Tutti i dati della banca dati patologie e sintomatologia sono forniti da DeAgostini, che è esclusiva responsabile del contenuto e della forma dei dati visualizzati.
I nomi di società e prodotti menzionati possono essere marchi registrati dei rispettivi proprietari.

 

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista



Trombosi venosa profonda

Sintomi

Dolore spontaneo, acuto, tensivo a un arto inferiore, che può essere esacerbato dalla compressione dei muscoli della gamba, dalla palpazione superficiale lungo il decorso della femorale o dalla flessione dorsale del piede. L'arto tende a ingrossarsi e a diventare edematoso, i muscoli del polpaccio appaiono sempre più duri alla palpazione, la cute è pallido-cianotica (a meno che non sia presente una concomitante tromboflebite superficiale, che la rende calda, rossa, lucida e tesa) e possono apparire dilatate le vene superficiali. Possono esserci febbre, astenia, anoressia e altri sintomi sistemici di accompagnamento.

Cause

Temibile sindrome clinica caratterizzata dall'ostruzione della circolazione sanguigna nelle vene profonde dell'arto inferiore. Predisponenti a essa sono tutte quelle condizioni che possono favorire un rallentamento perdurante della circolazione sanguigna soprattutto in quei distretti: l'insufficienza cardiaca congestizia, l'infarto miocardico, le neoplasie, le fratture degli arti inferiori, gli interventi di chirurgia generale, ginecologica, ortopedica, urologica e in generale tutte le situazioni che costringono a un prolungato allettamento o all'immobilità forzata; favorenti sono anche il parto, l'obesità e i contraccettivi orali. I pericoli principali sono legati alla possibile insorgenza di complicanze acute, soprattutto il distacco di frammenti trombotici con embolia polmonare. A distanza di tempo si può determinare una sindrome post-flebitica, caratterizzata da ostruzione definitiva delle vene trombizzate e dalla distruzione delle valvole venose, con conseguente insufficienza venosa cronica.

Terapia consigliata

Può essere necessario il ricovero ospedaliero, specie nelle situazioni più compromesse, per poter instaurare immediatamente tutti i provvedimenti volti al ripristino del circolo (anticoagulanti o trombolitici) e al controllo delle condizioni generali (prevenzione o monitoraggio di possibili eventi embolici, della sindrome post-flebitica, delle ulcere flebostatiche ecc.).


Sintomi associati


 edema
 febbre
 livore


Ultima modifica: 23/01/2018